Bollettino Parrocchiale

Per i gruppi organizzati che desiderano visitare il Santuario di Monteortone, è gradita la prenotazione (sig. Luciano 368 7761617; o mail webmaster@monteortone.it; oppure compilando il modulo che trovate nella sezione CONTATTI).
In tale modo, al vostro arrivo, troverete un volontario che vi accompagnerà nella visita al Santuario

 Download dell’ultimo numero del bollettino :
premi qui
Vuoi ricevere il Bollettino dell’Unità Pastorale direttamente via mail ?

Bollettino n. 7 del 02/08/2020 – valido fino al 30/08/2020

FESTA PATRONALE DI MONTEORTONE – SANTA MARIA ASSUNTA:
SABATO 15 AGOSTO
FESTA PATRONALE DI MONTEROSSO – SAN BARTOLOMEO:
LUNEDI 24 AGOSTO

Nel pieno ferragosto ecco il dono della “Pasqua dell’estate”: due sepolcri vuoti: quello di Cristo e quello della Madonna. Tutto parla di risurrezione e di speranza infinita…verso “cieli nuovi e terre nuove”!!
I cristiani fin dai primi secoli maturarono la convinzione e la fede che la Madonna fosse stata Assunta in cielo in anima e corpo. Pensiamo al Concilio di Efeso 431, dove 200 vescovi uniti al Papa, proclamarono Maria ‘Madre di Dio’. Da qui il grande privilegio di essere ASSUNTA in cielo.
Papa Pio XII nel 1950 (dopo aver consultato tutti i vescovi del mondo) proclamò il dogma della Assunzione con queste parole: “l’Immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della vita terrena, fu Assunta alla gloria celeste in anima e corpo». I nostri fratelli Ortodossi parlano di “dormizione” di Maria e altri affermano che se Gesù è morto anche la Madonna ha fatto la stessa esperienza. Una cosa è certa che la Madonna se pur “tolta dalla vista…non ci è tolta dalla vita!!”. Ci accompagna come Madre universale.
E il libro dell’Apocalisse ci indica la Madonna: “Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle”.

FESTA PATRONALE SANTA MARIA ASSUNTA
15 AGOSTO 2020 – MONTEORTONE
Venerdì 14 agosto: ore 17.30 Rosario e ore 18.00 Messa della Vigilia
SABATO 15 AGOSTO
SS. Messe ore 7.30 – 8.45 – 11.15 animata dalla Corale “Gino Spadati” di Monteortone
ore 17.20 Rosario meditato
ore 18.00 S.Messa all’APERTO – Presieduta dal Vescovo Mons. G. Scanavino e animata dalla Filarmonica Aponense
ore 19.00 PROCESSIONE ANNULLATA

FESTA PATRONALE SAN BARTOLOMEO
24 AGOSTO 2020 – MONTEROSSO
S.Messa solenne ore 19.00: + benedizione dei fichi

BUONE VACANZE CRISTIANE
Stando proprio alla prima pagina della Bibbia, anche Dio Creatore, dopo aver lavorato per sei giorni a erigere quella grandiosa architettura che è l’universo, si mise in vacanza (Genesi 2,1-4). Sorgeva, così, quel “riposo” che nella tradizione ebraica e cristiana ebbe la sua espressione nel sabato/domenica e che fu codificato nel terzo dei Comandamenti: “Ricordati di santificare le feste”, e con l’appuntamento a partecipare alla S.Messa.
La vacanza, però, non è una sorta di pagina vuota da riempire con la stessa frenesia del resto dell’anno: vedi la lenta colonna di automezzi in autostrada, le visite turistiche stremanti, ciondolando tra musei e piazze, il fast-food per un panino o una bibita e le dita sempre sul cellulare a digitare, o dentro le discoteche sulle spiagge fino a notte inoltrata…
“Vacanza”, però, non è neppure inerzia vuota (la pigrizia del nulla). E allora, perché non sostare davanti a un paesaggio, o all’azzurro del mare, o salire le nostre meravigliose montagne, o ammirare una tela-capolavoro di un museo o nel silenzio gotico di una cattedrale, o inseguire la trama di un libro, o seduti sotto un albero ascoltando la ‘musica del silenzio’?
Il gusto della meditazione-contemplazione è la diga che fa risalire l’acqua nel bacino e permette agli uomini di accumulare di nuovo l’energia interiore di cui l’attivismo li ha privati. In quel silenzio, che elimina l’eccesso dei decibel, dell’urlato, della chiacchiera, si può praticare una specie di dieta dell’anima, che ritorna capace di pregare serenamente il Signore con la Madre nostra, parlando loro come agli amici più cari.
La persona riesce, allora, a guardare nel fondo della coscienza, ove forse si annida qualche pesante cruccio. Ma ciò che può risvegliare il sonno della ragione e del nostro credere, sta nella riscoperta del Libro per eccellenza, la Bibbia, che proprio nel guazzabuglio d’oggi, si trasforma in «lampada per i passi del nostro cammino».

E per coloro che “giocano in casa” (anche per i grossi problemi economici sorti per la mancanza di lavoro) ci può essere spazio per la carità fraterna, nel dare una mano a un parente o a un conoscente anziano, malato, isolato nel caldo soffocante. Gesù direbbe oggi: «Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me» (Matteo 25,40). Causa il coronavirus noi sacerdoti abbiamo ridotto le visite nelle famiglie; anche se i Ministri della Comunione hanno comunque portato a quasi tutti i malati e infermi il SS.Sacramento. Ogni giorno nella Messa e nel Rosario il ricordo per i nostri malati e anziani è costante; così nella preghiera alla Madonna della Salute.

Tutto è grazia!

d. Danilo Z. e C.