Parrocchia di Monteortone

Benvenuti nel sito della Parrocchia di Santa Maria Assunta di Monteortone
Comune di Abano Terme; Provincia e Diocesi di Padova

Canale YouTube della Parrocchia
Prima S.Messa trasmessa in diretta: martedì 22 dicembre ore 18.00

 

S. Messa del 31 dicembre 2020 ore 18.00; con il canto del Te Deum

S. Messa del 6 gennaio 2021; ore 8.45

S. Messa del 3 febbraio 2021; ore 18.00: s: Biagio, benedizione della frutta

S. Messa del Mercoledì delle Ceneri

Appuntamenti e incontri in evidenza nei prossimi giorni
(per maggiori dettagli, consultare la pagina completa)
(per gli orari delle S.Messe, consultare la pagina dedicata)

STARE CONNESSI – ESSERE in ASCOLTO.
Cammino per il tempo di Quaresima e Pasqua

Il tempo di quaresima che inizia con il mercoledì delle ceneri (che si celebra il 17 febbraio) e termina a Pasqua (4 aprile) è un dono e un compito per tutti i cristiani. Il dramma della pandemia rende quest’anno (e già l’anno scorso) complicato e faticoso, generando tanti interrogativi, nervosismi e preoccupazioni.
Abbiamo imparato cosa significa lock-down, isolamento, distanziamento, quarantena… Questo tempo di quaresima, che tradizionalmente ricorda il tempo trascorso nel deserto (vedi introduzione) sia anche per noi, in questo momento di emergenza che ancora stiamo vivendo, una occasione per impegnarci e imparare a restare sintonizzati con la BUONA NOTIZIA.

Lontani da Gesù e dai fratelli, il rischio di perdersi e di restare “isolati” e ripiegati sui stessi è grande, come pure il rischio di cadere nello scoraggiamento, nella tristezza o peggio ancora nella disperazione (=mancanza di speranza). Ma come Gesù ci insegnato, Dio Padre non ci lascia soli! Papa Francesco nella sua ultima enciclica “Fratelli tutti” scrive: “… non possiamo nascondere che «se la musica del Vangelo smette di vibrare nelle nostre viscere, avremo perso … la tenerezza che nasce dalla fiducia, la capacità della riconciliazione che trova la sua fonte nel saperci sempre perdonati-inviati. Se la musica del Vangelo smette di suonare nelle nostre case, nelle nostre piazze, nei luoghi di lavoro, nella politica e nell’economia, avremo spento la melodia che ci provocava a lottare per la dignità di ogni uomo e donna». …Per noi, questa sorgente di dignità umana e di fraternità sta nel Vangelo di Gesù Cristo. Da esso «scaturisce … il primato dato alla relazione, all’incontro con il mistero sacro dell’altro, alla comunione universale con l’umanità intera come vocazione di tutti»” (n.277).

Permettiamo dunque a Dio di connettersi con le nostre vite. Saremo così capaci di portare il nostro contributo per cambiare in meglio il nostro “mondo”, rispettandoci per vivere TUTTI come FRATELLI nel nostro quotidiano, nelle scelte che facciamo ogni giorno.
Impareremo dal Vangelo, BUONA NOTIZIA, di settimana in settimana, che per accogliere pienamente questo messaggio di fraternità è essenziale FIDARCI di Dio, metterci in ascolto della sua PAROLA, essere sempre NOI STESSI coltivando la SPERANZA e spendendoci gratuitamente per gli altri con amore tenace, proprio come ha fatto Gesù, aperti alla speranza e alle sorprese che il buon Dio sempre ci riserva.

Accogliamo questo tempo di Quaresima e Pasqua come occasione per restare veramente CONNESSI con la BUONA NOTIZIA, e restare in ASCOLTO della MUSICA del VANGELO!
La tradizione ci chiede una attenzione tutta particolare alle missioni (in Avvento l’attenzione è stata dedicata alla Caritas): per questo non dimenticheremo i fratelli che hanno più bisogno, attraverso conoscenza e sostegno anche economico ad alcuni progetti in terra di missione.

L’attenzione all’ASCOLTO della BUONA NOTIZIA si concretizzerà in piccoli segni che ci accompagneranno di domenica in domenica.
Il percorso tematico offerto alla nostra Unità pastorale è scandito dal tema dell’ESSERE CONNESSI ed ESSERE in ASCOLTO. Lo spunto è preso dalle letture delle domeniche, con questi passaggi:

1a dom. #PuoiFidarti. Abbi fiducia! Dio ti è vicino nelle scelte difficili della vita
2a dom #AscoltaEVedrai. L’ascolto apre gli occhi, la mente e il cuore a comprendere ciò che altrimenti sarebbe incomprensibile
3a dom. #SiiAutentico. Abbi il coraggio di essere sempre te stesso e non temere il giudizio degli altri quando si tratta di difendere ciò che ritieni giusto
4a dom #LasciatiRischiarare Coltiva la speranza! Gesù è luce che illumina le notti più buie. Dio non ti lascia solo! Lo ha dimostrato donandoci suo Figlio Gesù
5a dom #SpenditiPerGliAltri. La carità fraterna, intesa come dono di sé, aiuta ad aprirsi agli altri e a tracciare la strada per il Paradiso già su questa terra
Palme #NonPuoFinireCosi. In ogni dolore si può nascondere un possibile principio di gioia. È Dio che con tenacia, agisce a nostro vantaggio
Pasqua #GioiteECredete. Gesù apre il nostro orizzonte verso l’insperato. Dio non sa fare un annuncio senza sorprenderci!

 

Buon cammino quaresimale per prepararci alla Santa Pasqua a tutti!

 

 II domenica di Quaresima
28 febbraio 2021

La trasfigurazione occupava un posto importante nella vita e nell’insegnamento della Chiesa primitiva. Ne sono testimonianze le narrazioni dettagliate dei Vangeli e il riferimento presente nella seconda lettera di Pietro (2Pt 1,16-18).
Per i tre apostoli il velo era caduto: essi stessi avevano visto ed udito. Proprio questi tre apostoli sarebbero stati, più tardi, al Getsemani, testimoni della sofferenza di nostro Signore.
L’Incarnazione è al centro della dottrina cristiana. Possono esserci molti modi di rispondere a Gesù, ma per la Chiesa uno solo è accettabile. Gesù è il Figlio Unigenito del Padre, Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero. La vita cristiana è una contemplazione continua di Gesù Cristo. Nessuna saggezza umana, nessun sapere possono penetrare il mistero della rivelazione. Solo nella preghiera possiamo tendere a Cristo e cominciare a conoscerlo.
“È bello per noi stare qui”, esclama Pietro, il quale “non sapeva infatti che cosa dire, poiché erano stati presi dallo spavento”. La fede pone a tacere la paura, soprattutto la paura di aprire la nostra vita a Cristo, senza condizioni. Tale paura, che nasce spesso dall’eccessivo attaccamento ai beni temporali e dall’ambizione, può impedirci di sentire la voce di Cristo che ci è trasmessa nella Chiesa.

VANGELO: Dal Vangelo secondo Marco  (9,2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Parola del Signore.

APPELLO AI VOLONTARI

Con l’inizio dell’anno, la Parrocchia di Monteortone necessita di persone disponibili a prestare la loro opera di volontariato in onore della Madonna della Salute, e precisamente di:

1) chierichetti per le Ss Messe festive e le cerimonie solenni (contattare il diacono don Antonio, presso i Salesiani, al n. 049 8669041, o Giovanni al n. 3485667625)

2) lettori per le Messe feriali e festive (contattare Paola al n. 3348317323, o Arianna al n. 049 667203)

3) catechisti (contattare il parroco, mons. Danilo, al n. 3472452770, o don Paolino al n. 3803507117, oppure inviare e-mail a Nicoletta: mondo.libro@virgilio.it)

4) custodi del santuario per gestire il negozietto di souvenirs e vigilare all’interno della chiesa (contattare Sandra al n. 3357860179, o Carlo al n. 3393072069, o Francesco al n. 3293652977)

5) ciceroni e guide turistiche per illustrare la storia e le opere d’arte del santuario a gruppi di pellegrini e di turisti in visita alla chiesa (contattare Luciano al n. 3687761617, o Enzo al n. 3483365467)

6) collaboratori per gestire l’entrata e l’uscita dei fedeli prima e dopo le SS Messe del sabato sera e della domenica, nonché per la sanificazione dei banchi e delle sedie in periodo di pandemia (contattare Sandra al n. 3357860179, o Antonio al n. 3294772610)

7) volontari per la guida e la recita del S. Rosario prima delle Ss Messe serali (contattare Carlo al n. 3393072069, o Enzo al n. 3483365467, o suor Caty al n. 3317609149)

8) volontari per la raccolta delle offerte durante le Messe festive, in aiuto al sacrestano (contattare Berto in sacrestia, o Marco al n. 3471785855)

9) coristi per le due formazioni del santuario: Corale “Gino Spadati” (contattare Alessandro Campolucci durante le prove del martedì, alle ore 21.00, o presso la Parrocchia) e “Coro giovani” (contattare Flavia alla Messa domenicale delle 11.15), nonché strumentisti per il coro giovani (contattare Michele al n. 049 9935268)

10) volontari per la Caritas dell’Unità Pastorale (sentire responsabile al n. 049 667165, oppure inviare e-mail a caritas@monteortone.it)

11) volontari per assicurare l’ora di adorazione quando sarà ripristinata pienamente la pratica dell’Adorazione davanti al SS Sacramento per l’intera giornata del giovedì (contattare suor Caty al n. 3317609149)

12) personale per le pulizie periodiche del santuario (contattare Sandra al n. 3357860179)

13) volontari con attitudini varie per il Circolo Ricreativo-Culturale (inviare e-mail a noicrc.monteortone@gmail.com, lasciando il proprio n. di telefono)

Va da sé che le persone disponibili non dovranno timbrare il cartellino, ma, in caso di necessità e sempre previa opportuna telefonata, potranno chiedere d’essere temporaneamente sostituite, tenendo conto che il loro servizio, sebbene piccolo od umile, sarà registrato nel grande libro d’oro di nostro Signore.

LA CARITA’ AI TEMPI DELLA FRAGILITA’

“L’esperienza della fragilità, della paura, della malattia ha condizionato i nostri percorsi di questi ultimi mesi e ha condizionato le nostre scelte…….” Sono parole del nostro Vescovo Claudio per presentare l’iniziativa “La carità ai tempi della fragilità” progetto della Diocesi di Padova a cui la nostra Unità Pastorale ha deciso di aderire.

IN COSA CONSISTE?
La Diocesi metterà a disposizione i fondi dell’8×1000 a tutte le parrocchie che ne faranno richiesta, in quantità pari a 1 Euro per parrocchiano. Tali fondi serviranno per dare supporto alle famiglie del territorio alle quali sono venuti a mancare anche i beni primari.

COME SI IMPEGNANO LE NOSTRE PARROCCHIE?
La parrocchia si impegna a raddoppiare i fondi messi a disposizione dalla Diocesi, con l’aiuto di ciascuno di noi, secondo tre modalità:
CASSETTA presente in chiesa dedicata alla raccolta delle offerte in denaro
Raccolta di GENERI ALIMENTARI (zucchero, olio, pomodoro, latte, tonno, scatolame vario, riso, caffè e detergenti per la cura della persona) che si potranno portare in Chiesa o direttamente alla sede Caritas a Monteortone.
VERSAMENTO su C/C (per importi particolarmente generosi) intestato alla Parrocchia di S. Maria Assunta Monteortone IBAN : IT08 J030 6909 6061 0000 0009 381 presso Banca Intesa, causale del versamento: “La carità ai tempi della fragilità”

Il progetto che ci coinvolge come comunità tutta, deve essere solo l’inizio di un percorso di generosità e vicinanza verso chi si trova in difficoltà e può essere riassunto con quattro parole chiave: tempo, fragilità, ascolto, carità; temi che ci coinvolgeranno durante questo nuovo anno pastorale.

L’adesione al progetto coincide con l’inizio del periodo di Avvento, come pure la raccolta di generi alimentari.

Circolo Ricreativo Culturale – APS

Il Circolo Ricreativo-Culturale è alla ricerca di persone volenterose che abbiano desiderio di dedicare un po’ del proprio tempo libero ad attività nell’ambito del nostro Circolo.
Se hai anche attitudine particolare o più semplicemente ti farebbe piacere trascorrere qualche ora in compagnia facendo anche un servizio alla comunità, contattaci tramite il seguente indirizzo di posta elettronica:  noicrc.monteortone@gmail.com  lasciando, se vuoi, un tuo recapito telefonico.


Anche quest’anno, nella Dichiarazione dei redditi, viene data la possibilità di destinare il 5×1000 a associazioni di volontariato, no-profit, onlus ecc.

Tra esse vi è il “Circolo Ricreativo Culturale – APS” che gestisce e anima il patronato di Monteortone, iscritto a “Noi Associazione – APS”.

Basta indicare nell’apposita casella il numero di CF: 92170400284.

È un modo anche questo per sostenere le attività e la struttura che per i nostri ragazzi-giovani-famiglie-anziani ha sempre le porte aperte. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno sostenuto negli anni scorsi e che continueranno a farlo.

Contatti

Recapiti della parrocchia:
CANONICA (parroco): 049 8669447
SCUOLA DELL’INFANZIA: 049 8668122
Don Danilo Zanella (parroco moderatore) 347 2452770
Don Paolino Bettin 380 3507117
Don Filippo Chiaffoni 328 8181586
Don Paolino Bettanin 380 3294976

Segreteria Parrocchiale – tel. 049 667165
Mercoledì dalle 9.00 alle 11.00
Giovedì dalle 15.30 alle 17.30
Venerdì dalle 15.30 alle 17.30

Caritas Unità Pastorale – tel. 049 667165, oppure caritas@monteortone.it
Mercoledì dalle 9.00 alle 11.00
Giovedì dalle 15.30 alle 17.30

mail:
webmaster@monteortone.it, oppure compila il seguente form:

Indirizzo Email a cui essere contattato
Eventuale recapito telefonico a cui essere contattato
inserire il commento o il messaggio.

Donazioni

Vuoi contribuire alle attività della Parrocchia ?
Puoi farlo anche online, con Paypal:


Grazie !